close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Daniel Mendoza sorprende ancora unendo il suo indie-rap al cinema muto con “Ejzenstejn”

Ejzenstejn”, che avevamo ascoltato mesi fa su Spotify, arriva nella sua versione video per la regia di Virginia Pavoncello (Second Life Videos).

Il brano, prodotto da Tonic 21Gr., usa la figura del noto Regista (padre del cinema Muto) come metafora per raccontare il tema della mancanza di dialogo nelle coppie.

«Per una volta, ho voluto raccontare una storia non personale, ma la storia di molti. Il tempo porta molte coppie ad un punto morto, dove anche la voglia di parlare svanisce piano piano.–racconta Daniel Mendoza sviscerando qualche aneddoto di “Ejzenstejn”–Mi hanno sempre affascinato i film muti, come La Corazzata Potemkin dello stesso regista sovietico ad esempio, dove i protagonisti compiono milioni di azioni senza parlare. Nasce da qui la metafora di paragonare una coppia che proprio come quelle pellicole, non parla. ».

Grazie al tocco di RabbitHeavenly come Custome Designer e ai ballerini professionisti Chiara Corradi e Andrea Bilotti, il video, staccandosi dallo storytelling più classico proposto negli altri video dell’artista, adotta uno stile video-fotografico dove i danzatori che utilizzano due stili completamente differenti, sottolineano la differenza dei due personaggi. L’anima dei due protagonisti, in pieno stile “montaggio delle attrazioni”, vuole enfatizzare questo profondo senso di mancanza di comunicazione.

Ejzenstejn”, fuori per Street Label Records, continua il percorso nei circuiti indie già intrapreso da Daniel Mendoza coi precedenti singoli.

Tag:

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi