E’ morto Ravi Shankar, il maestro sitar di George Harrison
close
Breaking news

La Casa Di Carta 5, volume 2 uscirà il 3 dicembre 2021, ecco il trailer in ita...read more La Casa di Carta 5 è stata divisa in due parti. La prima metà degli episodi s...read more In arrivo UFL, il nuovo videogame calcistico free-to-play per console di vecchi...read more Spencer Elden, l’ex bambino nella copertina iconica di “Nevermind&#...read more L’attesa sta per terminare, Cowboy Bebop è in arrivo su Netflix! La piat...read more Scarlett Johansson è diventata mamma per la seconda volta. A rivelare sesso e ...read more L’asteroide 2016 AJ193, classificato ‘potenzialmente pericoloso’, si ...read more Orlando Bloom e Katy Perry hanno scelto Capri per le loro vacanze, concedendosi...read more Per festeggiare il debutto nei cinema di Free Guy – Eroe Per Gioco è in ...read more Soddisfazione per i Maneskin, domani 6 agosto è in uscita “I wanna be yo...read more

E’ morto Ravi Shankar, il maestro sitar di George Harrison

Immagine The Guardian

Per George Harrison era “the Godfather of world music”. Ravi Shankar non fu solo il suo maestro sitar, ma ne cambiò anche la vita spirituale; e, con l’influenza che ebbe non solo su George, segnò una svolta nella produzione artistica dei Beatles. Dall’India, i quattro ragazzi di Liverpool non tornarono più gli stessi, come si usa, correttamente, dire. Ravi Shankar, naturalmente, ispirò in maniera profonda anche la carriera solista di George Harrison.

“The Godfather of world music” suonò a Woodstock nel 1969 e, due anni dopo, a New York partecipò a “The Concert for Bangladesh“, forse meglio conosciuto come “George Harrison and friends”, che viene considerato il quarto album solista dell’ormai ex Beatles.

Ravi Shankar, ritenuto l’ambasciatore della cultura indiana nel mondo, è il padre naturale della cantautrice Norah Jones: non la riconobbe mai, ma l’esame del DNA non lasciò dubbi. Riconobbe invece Anoushka Shankar, anch’essa musicista e curatrice del Ravi Shankar Centre. Si è spento oggi (ieri per il fuso orario) nello stato di San Diego (Usa) dov’era stato ricoverato il 6 dicembre scorso per difficoltà cardiache e respiratorie. Aveva 92 anni.

Qui sotto un estratto dal film-documentario di Martin Scorsese su George Harrison.

Tag:, ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi