• Print
close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Making Mirrors – Gotye

È arrivato il momento di parlare di Gotye, l’ormai celebre cantante belga naturalizzato australiano. Gotye (vero nome Wouter Wally De Backer), nasce in Belgio nel 1980, ma all’età di due anni si trasferisce in Australia dove poi inizia la sua carriera da musicista. Gotye ha all’attivo quattro album (tre studio e uno è un album di remix delle canzoni dei primi due album), ma quello che l’ha fatto conoscere al mondo è sicuramente Making Mirrors.

Making Mirrors è, forse, l’album più apprezzato dalla critica.  Se parliamo di Making Mirrors la prima canzone che ci viene in mente è sicuramente “Somebody That I Used To Know“, canzone portata alla fama da YouTube prima e da Glee poi. Tuttavia, l’album è composto da 13 pezzi (di cui uno è il remix di “Somebody That I Used To Know“)  che sono collegati tra loro utilizzando il concetto della riflessione, ovvero citando lo stesso Gotye: “lo sguardo a te stesso che uno specchio offre e anche il modo in cui ti dà una prospettiva diversa sulle cose intorno a te.” 

Punti Forti:

Somebody That I Used To Know: è praticamente la canzone più bella di tutto l’album e riesce ad eclissare le altre canzoni.

I Feel Better:  canzone ben fatta e poi utilizzata come terzo singolo.

Easy Way Out: canzone utilizzata come singolo promozionale nel Regno Unito.

Punti Deboli:

Oltre al fatto che la qualità di “Somebody That I Used To Know” è molto più avanzata rispetto alle altre canzoni che si mettono quasi in secondo piano,  si può dire che l’unica canzone “debole” sia “State Of The Art” anche se presenta molti spunti interessanti.

Tracklist:

  1. Making Mirrors -1:01
  2. Easy Way Out -1:57
  3. Somebody That I Used to Know (feat. Kimbra) -4:04
  4. Eyes Wide Open -3:11
  5. Smoke and Mirrors -5:13
  6. I Feel Better -3:18
  7. In Your Light -4:39
  8. State of the Art -5:22
  9. Don’t Worry,We’ll Be Watching You -3:18
  10. Giving Me a Chance -3:07
  11. Save Me -3:53
  12. Bronte -3:18


Tag:, , , , , , , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi