close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’

Messico, ucciso assistente di produzione di ‘Narcos’: cercava location per la quarta stagione della serie

 

Il corpo di Carlos Muñoz Portal trovato nel bagagliaio della sua auto, crivellato di colpi, in un’area isolata del paese. Oltre che per la serie di Netflix aveva trovato i set per ‘Spectre’, ‘Sicario’, ‘Fast & Furious’.

Il suo era un ruolo fondamentale, trovava le location migliori per poter girare un film, o una serie tv, in un territorio difficile come quello messicano. Un lavoro che gli è costato la vita: Carlos Muñoz Portal è stato trovato morto proprio mentre cercava i luoghi in cui girare la prossima, la quarta, stagione della serie di Netflix Narcos.

Trentasette anni, assistente di produzione, Muñoz Portal è stato ucciso in un’area vicina al confine con lo stato dell’Hidalgo, nel comune di Temascalapa. Beffa del destino, è stato assassinato esattamente come potrebbe accadere in una scena di Narcos: il corpo crivellato di colpi, poi nascosto nel bagagliaio della sua auto. In una zona che vanta il tragico primato del numero più alto di omicidi in tutto il Messico: solo nel mese di luglio ne sono stati registrati 182.

Impegnato nelle ricerche di nuovi siti per la serie Netflix che racconta la storia dei cartelli sudamericani della droga, da Pablo Escobar in poi, Muñoz Portal aveva lavorato anche per importanti produzioni cinematografiche che avevano avuto il Messico fra le loro location, come Sicario, Spectre, Fast & Furious, Apocalypto.

La quarta stagione di Narcos racconterà le origini del cartello messicano di Juarez dopo che la terza – ora disponibile su Netflix – ha raccontato l’ascesa e la caduta del cartello di Cali. L’assassinio di Muñoz Portal potrebbe far tornare la produzione della serie tv in Colombia, dove era stata girata all’inizio. Una decisione che potrebbe influire negativamente su centinaia di posti di lavoro creati in Messico dalla realizzazione di una delle serie di maggior successo degli anni recenti.

Fonte: Repubblica.it

Tag:, , , , , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi