close
Breaking news

FIFA 22 è sicuramente uno dei prossimi giochi più attesi dell’anno. La ...read more Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more

Musica digitale, Microsoft manda in pensione lo Zune Player

Dopo quattro anni e mezzo Microsoft ha deciso di interrompere la produzione dei lettori Mp3 Zune, incapaci di contrastare il predominio dell’iPod della Apple nel settore della mobile music digitale. “Non abbiamo nulla da annunciare a proposito di un altro dispositivo Zune”, ha confermato un portavoce della multinazionale di Redmond in seguito a un’anticipazione della notizia pubblicata da Bloomberg. “La nostra strategia a lungo termine”, ha aggiunto la stessa fonte, “è focalizzata sulla forza che l’intero ecosistema Zune esprime attraverso tutte le piattaforme Microsoft, e continueremo a impegnarci nel fornire una grande esperienza video e musicale attraverso il servizio Zune”.

Anche se i lettori Zune restano in vendita (a prezzi scontati) sul sito Web della società, l’offerta di musica e video da parte di Microsoft sfrutterà dunque come terminali principali le console per videogiochi Xbox e gli smartphone che utilizzano il sistema operativo Windows Phone 7. Secondo stime ufficiose, Microsoft ha venduto complessivamente circa 4 milioni di Zune Player, raggiungendo negli Stati Uniti una quota di mercato irrisoria (2 %) rispetto a quella conquistata dalla Apple con l’iPod (70 %). Di conseguenza, da almeno un anno la produzione e commercializzazione del lettore portatile non rientrava più nelle sue priorità strategiche.

rockol.it

Tag:, , , , , , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi