close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Speciale Halloween: A Venezia…un dicembre rosso shocking (Don’t Look Now)

dontlooknow1

Probabilmente, il nome di Daphne du Maurier non vi suonerà familiare. Eppure, dagli adattamenti dei suoi romanzi sono nati capolavori come Rebecca, la prima moglie Gli uccelli di Alfred Hitchcock, mentre da un suo racconto è tratto questo film del 1973 diretto da Nicolas Roeg, una perla poco conosciuta ma che meriterebbe un posto di rilievo, non solo nel cinema di genere degli anni ’70 e ’80, ma fra i migliori esempi di horror psicologico di sempre.

John e Laura Baxter (interpretati rispettivamente da Donald Sutherland Julie Christie), sono una coppia di inglesi che, qualche mese dopo la tragica morte della loro figlia minore, giungono a Venezia a causa del lavoro di lui, impegnato nel restauro della chiesa di San Nicolò dei Mendicoli. L’incontro con due inquietanti sorelle scozzesi – una delle quali priva della vista ma dotata di poteri psichici – e una serie di misteriosi omicidi nella Laguna, comprometterà il già precario equilibrio mentale dei coniugi.

La costruzione angosciosa e ricca di suspence, ricalcata fedelmente sul racconto di du Maurier, viene esaltata dalle scelte stilistiche di Roeg, nato come direttore della fotografia e quindi con un occhio particolare per il colore e per la luce, e dalle tecniche sperimentali di montaggio che accentuano la sensazione del tempo come un cerchio chiuso. Lo spettatore viene rapito in questo caleidoscopio fin dalle prime immagini, e – sebbene la narrazione proceda in modo lento per gli standard del genere a cui siamo abituati oggi – non c’è mai un calo di tensione e il finale climatico è sconcertante e allo stesso tempo catartico.

vlcsnap-190338Un altro pregio del film è la scelta di presentare Venezia nel modo meno turistico e più autentico possibile, ma non per questo meno affascinante, anzi, non c’è set migliore che si presti a una storia psicologica fatta di ombre e colori, di austera bellezza e di cupo terrore.

Don’t Look Now è il film adatto per chi si annoia con i jumpscare e cerca un horror decisamente più sofisticato, di quelli che ti entrano nelle viscere e non ti lasciano andare.

 

Tag:, , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi