close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Akkura, il nuovo video di Elektra Nicotra e Giorgio Indaco

Nessun musicista dovrebbe prendersi troppo sul serio” questo il mood di un’uscita diversa dalle solite, un brano del tutto ironico e sperimentale scritto, eseguito e prodotto da Elektra Nicotra e Giorgio Indaco.

Fratelli nello spirito e nel sound, Elektra e Giorgio hanno suonato insieme fin dalla più tenera età. Nel corso del 2017, Elektra Nicotra ha pubblicato il suo primo album di brani inediti, “Awakening”, accolto calorosamente dalla stampa specializzata italiana e promosso in radio, televisione e dal vivo. Alla batteria, Giorgio Indaco, poli-strumentista, anche membro delle band catanesi Color Indaco e Kind Of Stanza.

Akkura” (in siciliano “fai attenzione”) è il risultato di pomeriggi all’insegna della libera sperimentazione con sintetizzatori ed influenze marcatamente vaporwave. Per loro, provenienti dalla scuola blues e rock’n’roll, l’esplorazione di un nuovo genere, trasformatasi, poi, in un momento di puro divertimento goliardico. Un testo ironico, cantato in dialetto siciliano, ma nello stile dei cartoni animati giapponesi.

È come se una giapponese stesse provando a parlare il siciliano. Per cantarlo ho immaginato tutti i suoi eventuali difetti di pronuncia… marcando molto le Z, per esempio”, ha commentato Elektra.

Un esempio di come si possa fare musica solo per il piacere di divertirsi, varcando i confini imposti dal proprio genere o le aspettative del proprio seguito. Una musica libera, leggera, il cui unico scopo è intrattenere divertendo.

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi