close
Breaking news

FIFA 22 è sicuramente uno dei prossimi giochi più attesi dell’anno. La ...read more Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more

Che Rio Ce La Mandi Buona – Day #1: la “puntazza arraggiata” di Oscar ci salverà

Sono ufficialmente iniziati i Mondiali e con loro le prime polemiche: dall’arbitraggio contestatissimo nella gara inaugurale alla polemica finale tra Fabio Effetto Magnus Caressa e Osvaldo aka Uno-che-con-i-mondiali-c’entra-poco-e-niente.

Neymar spiega a Marcelo che quella dove ha segnato è la loro porta.
Neymar cerca le parole più adatte per spiegare a Marcelo che quella dove ha segnato è la loro porta.

Andiamo per ordine. In Brasile sono le 17 in punto e inizia Brasile-Croazia. Non passano neanche 10 minuti e Ivca Olic s’invola sulla fascia con il passo svelto di una foca monaca. Nessuno lo pressa, nessuno se lo fila e lui sconsolato e depresso tira un calcione alla palla e mette il broncio. Ma qui accade l’imprevedibile: Thiago Silva se la fa passare in mezzo alle gambe, Luiz Gustavo passa di lì per caso e non si accorge di nulla, David Luiz non c’è e se c’è dorme, Marcelo anticipa tutti e… sbaglia porta. Il primo gol del Mondiale 2014 in Brasile, la patria del bel calcio, è un’autorete tristissima del Ficarra brasileiro. Vamos.

Il Brasile non ci sta, però, e inizia a pressare. Per almeno un quarto d’ora non sono in grado di produrre nulla di concreto, ma al 29esimo minuto Neymar si ritrova un pallone tra i piedi e lo colpisce malissimo da fuori area. Pletikosa si fa una risata e decide di buttarsi a rallentatore, un po’ come nelle partite online di Fifa 14 quando il server è intasato e lagga (termine tecnico, cercatelo su Google che non posso dirvi sempre tutto io!). Purtroppo per lui, però, non arriva in tempo. Così il pallone s’insacca e il truzzo brasiliano, al secolo Neymar, firma il pareggio insperato.

Si va all’intervallo con il risultato di 1-1. Il secondo tempo inizia sulla falsa riga del primo, ovvero con il Brasile che non riesce a segnare e spera in un’altra vaccata di Pletikosa. Al 70esimo minuto, però, Fred si trova spaesato al centro dell’area di rigore e a causa di un violentissimo attacco di labirintite finisce a terra come un avvinazzato al decimo fiasco. Il momento è drammatico. L’arbitro non ha dubbi: tranquillizza i familiari dell’attaccante carioca e assegna un calcio di rigore che non ha visto nessuno ma pare possa far rianimare Fred ormai a terra esanime. Fred si alza e ringrazia il cielo perché non ci crede nemmeno lui: è andato tutto bene. Neymar si prende la responabilità del tiro dagli undici metri e da vita al rigore più truzzo della storia del calcio: prende una rincorsa orribile in stile twerking di Miley Cyrus (qui vi aiuto io e vi linko Wikipedia) e tira in maniera inguardabile. Pletikosa tocca, ma si rende conto che uno come lui non può parare un rigore nella gara inaugurale del Mondiale all’idolo di casa. Così – un po’ per grandezza d’animo, un po’ per scarsezza di mezzi tecnici – lo lascia entrare. Il Brasile passa in vantaggio.

Adesso è la Croazia che deve reagire. E prova a farlo tirando un po’ da ogni parte, con Julio Cesar che non ne trattiene una che sia una. Ma al 90esimo ci pensa Oscar a rendere vano ogni sforzo croato: arrivato al limite dell’area avversaria, ed essendo troppo stanco per continuare la sua corsa, tira quella che in gergo tecnico si chiama “puntazza arraggiata“*. Pletikosa prima si addormenta e poi sviene, così il pallone supera la linea e l’inerme portiere – ormai completamente immerso in un mondo tutto suo dove le ore durano anni – non può nulla: è 3-1 in favore del Brasile.

Nel post partita, l’unico argomento di cui discutere – a parer mio – sarebbe stato: “Perché uno come Pletikosa gioca i Mondiali e io devo pagare 6 euro per un’ora di calcetto?”. E invece no: si parla di Osvaldo aka Uno-che-con-i-mondiali-c’entra-poco-e-niente che twitta “Contento di non aver preso parte a questa farsa” (che poi, a dirla tutta, il sentimento è reciproco) e Fabio Effetto Magnus Caressa che sottolinea dall’alto della sua incredibile saggezza come l’attaccante italo-argentino non perda occasione per dire sciocchezze. Che, detto da uno che di sciocchezze se ne intente, è una bella stoccata.

Il programma di oggi prevede Messico-Camerun, Spagna-Olanda e Cile-Australia. Di cui parleremo domani, sempre ammesso che i sicari di Pletikosa e Osvaldo non mi trovino prima. Se non volete aspettare – e magari volete assicurarvi che sia ancora vivo – potete seguire me su Twitter, e seguire Atom Heart Magazine sul nostro account Twitter ufficiale e persino sulla nostra pagina Facebook. Se fate le tre cose insieme, Pletikosa dice che nella prossima partita parerà almeno un retropassaggio. O almeno ci proverà, ecco.

Até amanhã!

*Puntazza arraggiata: gesto tecnico di pregio, nonché quintessenza dell’arte istintiva. Tiro di punta, per i meno dotti. Tiro alla cazzo di cane, per i più aulici.

Tag:, , , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi