close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Ciclo Horror: The Possession

the_possesssionlocandina_italiana

È inverno, c’è la pioggia, la neve e quel freddo che ti convince a rimanere a casa, magari sotto una coperta, oppure con amici e cosa c’è di meglio se non guardarsi un film? È per questo che noi di Atom Heart Magazine abbiamo intenzione di far partire una serie di progetti/cicli cinematografici nei quali recensiremo per voi vari film diversi per genere, da quelli più “storici” a quelli di prossima uscita. I cicli saranno composti da un minimo di 5 film ciascuno e questi non saranno legati solamente al genere di cui fanno parte, ma ci saranno anche cicli dedicati interamente a persone che hanno in qualche modo rivoluzionato il mondo del cinema. Facendo un esempio, partirà il ciclo di film dedicato a Christopher Nolan, oppure partirà in questi giorni un ciclo dedicato agli Oscar 2013, che recensirà i film che hanno ricevuto la nomination a un Oscar. 

Bando alle ciance! È ora di iniziare uno dei cicli che più mi attrae, stiamo parlando del genere Horror. Un genere amato da tutti, che ha portato avanti film che sono diventati dei colossi nel mondo del cinema e che lo hanno rivoluzionato.

E allora qual è il modo migliore se non iniziare questo ciclo con uno di quei film “perfetti”, quelli che ti mettono ansia subito dal primo minuto e che ti fanno rimanere incollato fino alla fine in preda alle palpitazioni? Non c’è modo migliore, ve lo assicuro. Ma, purtroppo, non abbiamo uno di quei film e vi dovrete accontentare di “The Possession“.

The Possession è diretto da Ole Bornedal e prodotto da Sam Raimim, uscito in Italia il 25 Ottobre 2012 e distribuito da M2 Pictures. Ora, prendendo in considerazione solamente chi ha prodotto questo film si potrebbe sperare che valga qualcosa! (Sì, dimentichiamoci tutti di Spider-man 3) Non credo di essermi mai sbagliato così tanto in vita mia, ma andiamo con calma. Troviamo subito Jeffrey Dean Morgan, famoso al pubblico per il suo ruolo in Grey’s Anatomy, Supernatural e per il cinema nel suo ruolo in Watchmen, affiancato da Natasha Calis Kyra Sedgwick, famosa per il suo ruolo in The Closer. La recitazione in se non è nemmeno troppo da criticare, diciamo che non si sforzano per sembrare più credibili, ma possiamo ammettere che con una sceneggiatura del genere ci si poteva aspettare ben poco.

Trama:

Per la famiglia Brenek la discesa nel terrore inizia al tipico mercatino domenicale di quartiere. Il neo-divorziato Clyde, sta ancora abituandosi alla sua nuova vita senza l’ex moglie Stephanie e non vede motivo di allarme quando la loro figlia minore Em è attratta da una misteriosa scatoletta con delle indecifrabili inscrizioni e decide di acquistarla. Ma appena lo fa, cominciano a verificarsi degli avvenimenti inquietanti. Em è sempre più ossessionata dalla scatoletta, al punto di portarla con se ovunque. Comincia a comportarsi in modo sempre più oscuro e pericoloso. Ma, per quanto ci provi, Clyde non riesce a separare la figlia dalla scatola, neanche quando Stephanie si convince che l’oggetto la stia facendo impazzire. Perseguitati da una serie infinita di eventi inquietanti e inspiegabili, la famiglia comincia a dissotterrare la verità di ciò che sta veramente accadendo: hanno aperto la scatola di un Dibbuk, spirito maligno di cui narrano antiche leggende ebraiche, fino a quel momento intrappolato nel contenitore.

Considerazioni Finali:

Il film per i primi 40 minuti sembrerebbe costruire una sorta di tensione, che viene totalmente rovinata da un finale indecente e tutta la costruzione della storia intorno ad un esorcismo fatto con un rituale ebraico. La regia non dà una grande mano a migliorare la situazione e la sceneggiatura pone la parola fine su un film iniziato male e concluso peggio. Un film già visto che vuole stupire ma che fallisce miserabilmente.

VOTO: 4.5

Trailer

Tag:, , , , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi