close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Coronavirus: le soluzioni che non ti aspetti

coronavirus

In tempi come quelli che stiamo vivendo, è necessario che le menti più illuminate ci indichino la strada, facendoci scoprire soluzioni al Coronavirus che noi poveri e miserabili mortali non saremmo mai in grado di trovare.

A questo scopo, abbeverandomi dalla sacra fonte dei social, ho trovato delle soluzioni davvero impensabili al problema Coronavirus. Soluzioni a cui io non avrei mai pensato, ma che potrebbero davvero essere utili a diminuire – e perché no azzerare – i contagi. Sterminando la popolazione, probabilmente.

Ne voglio elencare giusto alcune, in maniera tale da tenere informati anche voi sui passi che sta facendo la scienza in queste ore, grazie alle migliori menti laureate all’università della sfiga che questo Paese ha da offrire.

Di seguito e in ordine sparso.

Chiudere totalmente anche i supermercati

Ottima idea. Così iniziamo a mangiarci tra noi per sopravvivere. Viva il cannibalismo. In un mese, avremmo almeno metà popolazione morta di fame e l’altra metà che si addenta a vicenda. Però, numero dei contagi diminuiti (meno persone vive, meno contagi) e numero dei decessi per Coronavirus praticamente azzerato (morirebbero tutti sbranati dal coinquilino).

Lasciare aperti i supermercati solo una volta a settimana.

Questa mi è stata addirittura spiegata. Il fondamento di logica (ahahah) che c’è dietro è questo: voi quante volte a settimana andata a fare la spesa? Una, più o meno. Quindi? Che senso ha lasciare i supermercati aperti sette giorni su sette se tanto ognuno di noi va solo una volta a settimana? Ora, non so voi, ma io tutte le volte che vado a fare la spesa mi ritrovo in coda a una fila di almeno un’ora. Una fila che esiste ogni giorno. Immaginiamo che i supermercati fossero seriamente aperti un solo giorno a settimana. Fila di 70 ore, come minimo. Farebbero la spesa 10 persone a settimana. E il resto? Tutti a mangiare a casa di quei 10.

Lasciare aperte anche le profumerie.

Questa è geniale. Il ragionamento (seeh, va bè, ciao) è il seguente: i profumi contengono il 70% di alcol. Quindi? Quindi se non trovi l’amuchina al supermercato, puoi utilizzare un Christian Dior per disinfettare mani e superfici. Chiaro, no?

Stampare soldi.

Arrivano anche le soluzioni economiche, eh. Poco importa dell’inflazione, del potere d’acquisto e di qualsiasi altra banalissima regola economica che lo impedirebbe. In alto i Monopoli, ragazzi. Si va a fare la spesa con quei soldi.

Mille euro a persona.

Qui lo ammetto. Cercavo la quinta idea del cazzo e per trovarla ho aperto le pagine Facebook della Meloni e di Salvini. Ed eccoci qui.

Alla prossima, dai.

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi