close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Daniel Mendoza riconferma la nascita dell’indie rap in Italia. Fuori con Trolley

Colpa di Freud”, fortunato singolo di Daniel Mendoza pubblicato nei mesi scorsi, aveva segnato il passaggio dal classic HipHop a sonorità e concetti più vicini all’indie pop e aveva aperto quindi la strada all’indie rap rimarcando l’importanza delle origini con l’esigenza di avvicinarsi al pubblico di oggi e alle nuove tendenze.

In questi giorni un nuovo singolo di Daniel Mendoza, prodotto da Tonic dei 21Grammi Team coi bassi di Emanuele Lollobrigida, ripropone lo stesso concept sonoro e la stessa attitudine stilistica.

Trolley, probabilmente estratto dal prossimo disco dell’artista per Sreet Label Records, parte da esperienze personali per raccontare la società e il progressivo allontanamento dai veri valori.

Il trolley diventa così sinonimo di bagaglio personale, di emozioni, di vissuto. E’ quello che di noi rimane, quello che si dovrebbe portare nel viaggio della vita. Un invito a seguire i propri sogni e le proprie ambizioni senza scordarsi di chi siamo e delle proprie origini.

Trolley, con un video eccezionale diretto da Virginia Pavoncello per Second Life Videos, simboleggia la vita coi suoi rischi, le paure e le scelte. Lo stesso video racconta simbolicamente e in modo malinconico il viaggio personale di una persona che ricorda la propria vita passata di quaranta anni prima e la nostalgia della sua giovinezza. Nonostante una vita intera si scopre pronto a un ennesimo viaggio. “Perchè in fondo siamo tutti migranti e non smettiamo mai di viaggiare.”

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi