close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

“Non essere cattivo” di Claudio Caligari in corsa per l’Oscar

gruppo_marinellituretta

È l’ultima opera del regista di Amore tossico, scomparso lo scorso 26 maggio, ad essere stata scelta per rappresentare l’Italia nella corsa alla candidatura come miglior film in lingua straniera ai prossimi Academy Awards.

Il film, presentato in anteprima alla 72. Mostra del Cinema di Venezia e uscito nelle sale italiane l’8 settembre, è stato prodotto da Valerio Mastandrea – grande amico del regista e protagonista del suo L’odore della notte – che ha inoltre collaborato con Caligari durante la lavorazione del film e dopo la sua scomparsa, avvenuta poco prima della fine delle riprese.

Valerio Mastandrea e Claudio Caligari
Valerio Mastandrea e Claudio Caligari

Non essere cattivo non si discosta dal mondo degradato e violento dei due precedenti film di Caligari: c’è la periferia, c’è la droga, c’è il disagio giovanile e c’è la storia di un’amicizia. Simon Barletti, che recensisce film su YouTube e ha visto il film a Venezia, lo descrive come “un bello spaccato della piccola criminalità di Ostia, più vera che nella realtà, perché c’è molta empatia verso dei personaggi che sostanzialmente sono di una categoria sociale infima e dovrebbero essere detestati. Tocco felliniano per una sequenza (quella dell’autobus pseudo-circense) che non guasta affatto. Regia dinamica e accorta.

Una scelta coraggiosa, quella di preferire un outsider alla schiera di grandi nomi e film già acclamati all’estero, dato che gli altri titoli a contendersi il posto erano Il giovane favoloso di Mario Martone, Sangue del mio sangue di Marco Bellocchio, Latin lover di Cristina Comencini, L’attesa di Piero Messina, Nessuno si salva da solo di Sergio CastellittoMia madre di Nanni Moretti e Per amor vostro di Giuseppe M.Gaudino.

La corsa per la statuetta, però, è solo all’inizio. La cinquina finale verrà svelata – assieme alle altre nomination – il 14 gennaio 2016.

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi