close
Breaking news

FIFA 22 è sicuramente uno dei prossimi giochi più attesi dell’anno. La ...read more Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more

La Recensione: Diluvio – O Tutto O Niente

Un album d’esordio totalmente autobiografico dove l’autocelebrazione la fa da padrone quasi in ogni traccia.

Dodici tracce e due bonus track per entrare nel mondo del rapper romano Diluvio – classe 1988 – e scoprire il suo modo di pensare e vivere.

Il disco appare sin da subito musicalmente orecchiabile: le basi musicali sono sicuramente la cosa migliore del disco. I temi, un po’ meno. Anche perché – come detto in precedenza – in quanto disco prettamente auto celebrativo, la tematica è perlopiù sempre la medesima e finisce per stancare. Anche la metrica è qualcosa che varia poco e questo sicuramente non aiuta, né migliora, l’ascoltabilità complessiva.

I brani più duri non convincono granché, eccezion fatta per “Pronto A Sparare”, brano che vanta la collaborazione di Tormento, storico MC dei Sottotono.

Il disco si apre con “Faccio Strada”, che è sicuramente un ottimo incipit per aver ben chiaro sin dall’inizio i temi principali dell’album.

In “Sempre Più Su” assistiamo al momento musicalmente più alto dell’intero disco, ma il testo – a differenza delle pretese che sembra avere – non colpisce poi moltissimo.

In “Menti”, Diluvio si cimenta in una sorta di rap ballad: la metrica è sicuramente meno dura e cruda rispetto alle altre tracce. L’arrangiamento, però, non convince, ma in compenso testo e ritornello hanno un buon impatto sull’ascoltatore. Può essere considerata una sorta di canzone diesel: colpisce a distanza, ma colpisce.

Il resto dell’album segue più o meno la falsa riga dei brani citati. La metrica, molto spesso, risulta piatta e poco elastica. Anche “Indelebile”, dove senza dubbio si apprezza il totale stravolgimento dell’ormai edito campo tematico, finisce per stancare dopo un po’.

Stiamo sicuramente parlando, però, di un buon prodotto che si pone un paio di spanne sopra anche a qualche “collega” di maggior fama in giro per lo stivale. In sostanza, il rapper romano sembra avere le potenzialità per emergere definitivamente, ma manca ancora qualcosa. Variare più spesso temi e metrica potrebbe essere una buona strada da intraprendere.  Diluvio è ancora giovane e di tempo per limare le imperfezioni ne ha. I lavori futuri – e paradossalmente non questo – ci diranno chi è veramente.

Tag:, , , , , , , , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi