close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Musica in lutto: è morto il rapper Nate Dogg

Ieri il rapper statunitense Nathaniel Dawayne Hale, in arte Nate Dogg, è stato trovato morto nella sua casa di Long Beach. Aveva 41 anni. Nel gennaio del 2008 Dogg era stato colpito da un ictus restando paralizzato in tutta la parte sinistra del corpo; dopo otto mesi viene colpito da un secondo ictus che l’ha ridotto ad uno stato di immobilità completa dal collo in giù. Inizia a cantare da bambino nel coro di una chiesa a Clarksdale, nel Mississippi.

A 16 anni decide di lasciare la scuola e si arruola nella Marina Militare Americana dove vi rimane per tre anni. Nel 1991 dà vita al trio rap 213, insieme a Snoop Dogg (suo cugino) e all’amico Warren G.
L’anno successivo decide di debuttare come solista con l’album di Dr. Dre The Chronic. Ha avuto successo soprattutto grazie alle collaborazioni con molti artisti, tra cui Dr. Dre, Eminem, Ludacris, Tupac Shakur.

Tag:, , , ,

No Comments

No Comments

  • Questo articolo è stato segnalato su ZicZac.it.... Ieri il rapper statunitense Nathaniel Dawayne Hale, in arte Nate Dogg, è stato trovato morto nella sua casa di Long Beach. Aveva 41 anni. Nel gennaio del 2008 Dogg era stato colpito da un ictus restando paralizzato in tutta la parte sinistra del corpo;...

Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi