close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Pokémon Go, Niantic blocca definitivamente Bot e Scanner

Con i nuovi aggiornamenti, Niantic è riuscita a bloccare tutte le app di terze parti: addio a Pokémesh, FastPokéMap e decine di bot che rendevano la vita più “facile”

pokemon-go-robot

Niantic sembra esserci riuscita. Dopo una battaglia durata mesi (più o meno dall’uscita ufficiale di Pokémon Go), da un paio di giorni pare che le app di scanner e i vari bot siano stati definitivamente debellati.

Si tratta, nel dettaglio, di un aggiornamento di sicurezza lato server. Con un captcha di Google, Niantic riesce adesso a scremare gli utenti reali da quelli “fake”. Non è chiaro con quale costanza apparirà il suddetto captcha ai giocatori di Pokémon Go, ma è facile immaginare che appena l’app noterà un comportamento inusuale (teletrasporti, velocità elevate, evoluzioni e trasferimenti di Pokémon troppo immediati) chiederà all’utente di confermare la sua “natura umana”. Tutto questo, ai normali utenti, porterà via semplicemente un paio di secondi. I bot, invece, non riusciranno ad andare avanti e risulteranno del tutto inutili.

Non è tutto, perché Google ha dato un’altra grossa mano a Niantic impedendo che Pokémon Go giri su dispositivi rootati. In realtà, era già così da qualche settimana, ma grazie a un piccolo tool era possibile aggirare questo blocco e far sì che l’app continuasse a funzionare anche su quei terminali. Con il nuovo Google SafetyNet, invece, al momento risulta impossibile avviare il gioco su dispositivi “non autorizzati”.

Dal canto suo, Niantic rassicura gli utenti sul nuovo sistema di tacking interno all’app. Quelle che una volta erano le zampette che indicavano la distanza dei Pokémon avvistati nei dintorni, per intenderci. Sembra infatti che per il ripristino di quella funzionalità, del tutto aggiornata, non si dovrà aspettare ancora a lungo.

Bot, Scanner (Pokémesh, FastPoKéMap, etc) e Calcolatori di IV hanno smesso di funzionare. I ban sembrano continuare a colpire che ha utilizzato metodi scorretti per il powerlevelling e lo sniping di Pokémon rari. A Niantic adesso non resta che manterner fede alle promesse e andare ad aggiungere tutte quelle funzionalità che renderebbero Pokémon Go meno monotono e più avviccente: tracking, scambi e lotte tra allenatori.

Tag:, , , , , , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi