Polly e Max Prod ri-pubblicano “La città verrà distrutta domani”, disco del 2011 che introdusse il rap, l’elettronica e il cyberpunk
close
Breaking news

La Casa di Carta 5 è stata divisa in due parti. La prima metà degli episodi s...read more In arrivo UFL, il nuovo videogame calcistico free-to-play per console di vecchi...read more Spencer Elden, l’ex bambino nella copertina iconica di “Nevermind&#...read more L’attesa sta per terminare, Cowboy Bebop è in arrivo su Netflix! La piat...read more Scarlett Johansson è diventata mamma per la seconda volta. A rivelare sesso e ...read more L’asteroide 2016 AJ193, classificato ‘potenzialmente pericoloso’, si ...read more Orlando Bloom e Katy Perry hanno scelto Capri per le loro vacanze, concedendosi...read more Per festeggiare il debutto nei cinema di Free Guy – Eroe Per Gioco è in ...read more Soddisfazione per i Maneskin, domani 6 agosto è in uscita “I wanna be yo...read more È ufficiale il divorzio tra Bill Gates e Melinda: l’ex moglie del fondat...read more

Polly e Max Prod ri-pubblicano “La città verrà distrutta domani”, disco del 2011 che introdusse il rap, l’elettronica e il cyberpunk

A sette anni di distanza dalla sua realizzazione viene ri-proposto sulle maggiori piattaforme musicali il disco “La città verrà distrutta domani” firmato da Polly (ex Lato Oscuro della costa) e il produttore Max Prod (producer dei Groovenauti).

Sotto il nome unico di Occhi di Astronauti i due artisti avevano prodotto nel 2012 un vero

gioiellino che miscelava suoni elettronici e futuristici a testi surreali e cyberpunk. Apprezzato dal pubblico e dagli addetti ai lavori aveva ottenuto ottime recensioni su magazine come Rumore, Impatto Sonoro, RapManiacz.

“La città verrà distrutta domani”, il cui titolo è liberamente tratto dal capolavoro di G.Romero, possiede un tappeto sonoro completamente elettronico ed unico nel suo genere (il timbro dei synth di Max Prod è il suo marchio di fabbrica), con uno stile molto vicino allo scenario delle avanguardie londinesi e berlinesi del tempo, su cui però nessuno rappava. Questo è il principale elemento di novità e di forza di questo progetto, ovvero la possibilità di fare rap su musiche che fino ad allora sembravano off limits per gli mc, con la voglia di sperimentare strade nuove e nuovi modi di approcciare la costruzione delle canzoni.

Le strumentali sembrano perfette per dare spazio ai testi di Polly, che nelle sue canzoni racconta storie personali o autobiografiche catapultandosi però in visionarie ambientazioni sci-fi, riempiendo il disco di distopie, tributi e riferimenti cinematografici e letterari (“L’isola” ispirata a “L’isola di

cemento” di Ballard, “Tutto quello che sai è falso” ispirato a “The Truman Show” e “La penultima verità” di Dick, con citazioni di Ursula Le Guin e di altri autori minori) . Non é un caso infatti che il disco “La città verrà distrutta domani” venga ri-valorizzato con la pubblicazione a distanza di anni sulle più note piattaforme di musica digitale. Il disco rappresenta l’inizio storico del percorso artistico solista di Polly dopo lo scioglimento del “Lato oscuro della costa” e la puntualizzazione di uno stile già presente anni fa e solo in parte così nuovo come si pensa.

Se volete sentire dal vivo le canzoni di questo disco fate attenzione a dove si esibisce il Colpo di Stato Poetico, collettivo rap guidato da Polly & Alfre D’, per info e booking : alfredodalessandro@hotmail.it

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi