close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Sanremo 2018: le pagelle della seconda serata

Le pagelle della seconda serata del Festival di Sanremo 2018

Claudio Baglioni: 4. Accentra il Festival su di sé, ogni scusa è buona per cantare un pezzo dei suoi e alla conduzione è sempre più impacciato. Ripeto, poi: con la storia del “dittatore artistico” ce le ha fatte a maccheroncino. Lancio un appello: salvatelo da se stesso.

Michelle Hunziker: 5. Non granché pervenuta.

Pierfrancesco Favino: 5. Alla prima serata non era andato malissimo, nella seconda sceglie di buttare tutto in caciara con Despacito. Abbiamo perso anche lui. Niente, chiudete tutto e andiamocene affanculo.

Il Volo: 4,5. Indirizzano la serata verso l’agonia con “Nessun dorma”. Almeno non creano false aspettative su quello che verrà dopo.

Pippo Baudo: 6. È innegabilmente il padre del Festival di Sanremo e quando parli di TV non puoi evitare di citarlo. Due ore e mezza di pippone su come e quando ha condotto Sanremo, però, sono obiettivamente un po’ troppo. Ho sperato nel colpo di stato quando ha detto a Baglioni “Adesso conduco io!”, ma è durato poco. Peccato. La sufficienza è semplicemente perché è Baudo. Cazzo, è Pippo Baudo! Non puoi dargli meno!

Biagio Antonacci: 4. Non azzecca una nota dal ’63. Ci parla di citofoni e duetta con Baglioni. Sono uscito a comprare del crack.

Sting: 6,5. Si presenta incomprensibilmente cantando in esperanto. Poi si riprede, però. Arriva anche Shaggy, uno che sul “canto in esperanto stretto” ci ha costruito una carriera. Spettacolo.

Franca Leosini: 7. Rompe il cazzo a Baglioni mentre canta l’ennesimo suo pezzo. Per me basta così e il 4 marzo voto per lei. Grandissima.

Roberto Vecchioni: 5. Arriva sul palco a mezzanotte e mezza passata. Canta Samarcanda, ce la spiega, ma stiamo già per cadere in un sonno profondo e quindi vabbè.

Il Mago Forrest: 6. L’idea di far ridere è bella, ma andava piazzata a metà serata. Alla fine è del tutto inutile, i maroni sono già sfrangiati da un pezzo e Forrest non può risanarli nemmeno al meglio della forma (e ieri sera non lo era, forse s’era già rotto il cazzo anche lui).

Lorenzo Baglioni: 5,5. L’idea è divertente e nulla più.

Giulia Casieri: 6. Il talento c’è, il pezzo non è affatto male. Probabilmente la migliore tra le nuove proposte.

Mirkoeilcane: 6-. Simone Cristicchi c’è già e Giorgio Faletti è per molti versi inarrivabile. Il testo però è di qualità e lui riesce a entrarci bene dentro.

Alice Caioli: 4. La voce non è male, ma il pezzo è una tragedia vera. Poca roba, pochissima roba. Male.

Le Vibrazioni: 3. Dai, che entro sabato riuscirò a dargli “meno qualcosa” come voto. Unica nota positiva: cantano per primi e quindi si levano subito dalle palle. Questo gli fa guadagnare mezzo voto in più di quanto gli avrei dato altrimenti.

Nina Zilli: 4,5. Il pezzo è davvero anonimo. Nota positiva anche per lei, però: costumisti e truccatori stanno tentando in tutti i modi di attentare al suo fascino, fallendo miseramente.

Diodato e Roy Pacy: 6,5. Il pezzo è ottimo e i due funzionano alla grande.

Elio e le storie tese: 9. La morra cinese per ammazzare il tempo mentre Pippo Baudo li presenta vale tutto. Clonateli.

Vanoni-Bungaro-Pacifico: 6,5. Una sicurezza. Il pezzo è bello, la Vanoni è la Vanoni e a 83 anni c’ha più energia delle nuove proposte.

Red Canzian: 5. Tra lui e gli altri due Pooh in gara, meglio lui. Ma alla sufficienza non ci siamo.

Ron: 6. Prova a rendere il brano troppo “alla Lucio Dalla”, per altro non riuscendoci. È Ron, deve fare il Ron, altrimenti che cazzo lo canti a fare ‘sto pezzo? Prendi un leggìo, un palchetto e ce lo leggi.

Renzo Rubino: 5. L’hanno avvertito all’ultimo secondo e s’è presentato sul palco in giacca da camera e ciabatte. Il resto è noia vera.

Annalisa: 5,5. Non è il suo Festival, il pezzo sa di già sentito. La bravura c’è, ma non basta.

Decibel: 8. Sono i più completi in gara. Il brano è davvero molto bello e Ruggeri la porta sempre a casa in sicurezza. Daje così.

Tag:, , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi