close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

Tano E L’Ora D’Aria – Tano E L’Ora D’Aria (Recensione)

Dodici tracce. Dodici uomini di età diverse che raccontano le loro diverse storie, costretti a trascorrere insieme la loro ora d’aria. Questa l’idea alla base dei Tano E L’Ora D’Aria nel loro omonimo album.

L’idea è perfettamente riuscita. Perché, il quartetto, in dodici pezzi riesce a dimostrare in toto l’incredibile facilità nel destreggiarsi tra diversi generi senza mai stancare, ma – al contrario – riuscendo a dar una forma omogenea al lavoro finale.

Come detto, nei dodici brani della tracklist ci imbattiamo in altrettante storie diverse, raccontate in diverso modo, sia nei testi che nella musica. Uno dei pezzi più “destabilizzanti” in questo senso è indubbiamente “Dacci Oggi”. Un gospel in stampo USA che fonde ironicamente le preoccupazioni religiose a quelle intestinali: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano, ma se puoi daccelo di farina di mais o di grano saraceno, altrimenti noi non lo digeriamo. Dacci l’ostia gluten-free”.

Un tuffo nel rock’n’roll anni ’50 ci viene invece offerto da “Il Fascino Della Divisa”, dove vengono affrontanti i “vantaggi” di una divisa addosso con accelerazioni ritmiche in grado di spettinare persino il buon vecchio Elvis. Non mancano poi i pezzi più lenti, come “Gazza Ladra”, e le contaminazioni blues de “I diavoli blu” e “Naftalina”.

In definitiva, siamo di fronte a uno dei progetti più interessanti usciti durante l’anno. Considerando che si tratta di un’opera prima, non ci resta che attendere cosa ci riserveranno i quattro in futuro. Nel frattempo, godiamoci questa sorta di “manifesto”, dove appare chiaro che sarà davvero complicato definirli e inquadrarli all’interno di un genere o di uno stampo, in quanto – in un solo album – ci hanno dimostrato di poter cambiare repentinamente volto (da un brano all’altro o addirittura nello spazio dello stesso), assurgendo con disinvoltura al ruolo di trasformisti musicali.

Tag:, , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi