close
Breaking news

Sei alla ricerca di un programma tv o di un film da guardare sul divano ma non ...read more Da oggi “Swoosh”, il primo singolo ufficiale di Dariè Baby, artis...read more Il rapper lancia il nuovo disco, in uscita il 26 giugno: «Lo definirei sobrio,...read more Leggere testi ad alta voce ed essere pagati per farlo. L’azienda di servi...read more Si intitola “Una voglia assurda” e uscirà venerdì “L...read more Aveva 51 anni e si trovava in Sicilia. Il ricordo dei colleghi: «Un grande per...read more ”Rabbia ed orgoglio dei dottori commercialisti verso le insinuazioni ...read more Torna Barbara Gilbo con la sua suadente e graffiante voce pop/rock e con un pez...read more Ideato da Tohru Iwatani, mentre guardava una pizza dopo averne mangiato la...read more Si chiama Avi Schiffmann e ha spiegato: “Non sono uno speculatore, non vo...read more

#Venezia73: recensione di The Light Between Oceans (La Luce Sugli Oceani)

The-Light-Between-Oceans-vikander-fassbender-pic

Dopo aver visto La La Land avevamo un po’ paura di buttarci in una sala a vedere un film che rischiava di deludere le aspettative, però – convinti che con la formula Fassbender-Vikander non si potesse sbagliare – abbiamo deciso di fidarci di Derek Cianfrance e di andare in sala a vedere The Light Between Oceans.

The Light Between Oceans (in italiano La luce sugli oceani), film in concorso alla 73.Mostra del Cinema di Venezia, con regia e sceneggiatura di Cianfrance, è tratto dal best seller di M.L. Stedman; racconta la storia di un guardiano di un faro (Michael Fassbender) e di sua moglie (Alicia Vikander) che, dopo aver passato anni a cercare di avere un figlio senza riuscirci, trovano un bambina in mare, alla deriva, e decidono di adottarla spacciandola per la figlia naturale della coppia.

Come già si può  capire dalla trama, si tratta di una storia piuttosto banale, e che purtroppo non viene aiutata per niente dalla sceneggiatura che, soprattutto nella prima parte, sembra essere allungata a dismisura. Nella seconda parte, invece, la storia sembra incompleta. Utilizzando un plot twist scontatissimo lo sceneggiatore inizia a correre per arrivare al finale.

La narrazione manca di un vero e proprio climax e lascia con un senso di insoddisfazione. Anche le interpretazioni di due bravissimi attori come Vikander e Fassbender non riescono a coinvolgere, anzi, nonostante gli sforzi, i due non sembrano mai entrare nei rispettivi personaggi.

The Light Between Oceans è un film ambizioso confezionato per la awards season, ma che manca di elementi che lo renderebbero un vero contendente: innanzitutto, le musiche di Alexandre Desplat sembrano degli scarti delle sue composizioni per gli ultimi film “impacchettati” per gli Oscar (The Danish Girl, The Imitation Game); inoltre, nonostante qualche sforzo di dare un’impronta stilistica all’opera, la regia risulta banale e poco ispirata, e la fotografia è quanto di più già visto ci possa essere.

In conclusione, forse quella di The Light Between Oceans era una storia che non valeva la pena di essere raccontata, e di  certo non in questo modo.

Tag:, , , , , , , , ,

No Comments
Story Page

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi